Un tour fra le più bella capitali d'europa
Open Eye realizzazione siti web info@open-eye.it

Capitali Europee

Il mare non vi piace perchè i bambini continuano ad urlare e a piangere? La montagna vi annoia con quel suo silenzio costante? Volete comunque viaggiare? Forse vi rimane una possibilità. Che ne dite di andare alla scoperta delle capitali europee? Sì avete capito bene: le capitali europee. Con i prezzi dei biglietti delle compagnie aeree low-cost, ormai le capitali europee sono veramente ad un passo. Semplici da raggiungere, semplici da visitare. Che ci sia bello o cattivo tempo non importa, in una delle capitali europee c’è sempre qualcosa da fare, da scoprire, da vedere. Nuovi profumi, nuove strade, nuovi volti. Tutte cose che a prima vista magari vedrete con un po’ di diffidenza, ma una volta tornati a casa saranno le cose che più vi mancheranno.
E una volta a casa vorrete ripartire alla volta di nuove piazze e giardini di una delle capitali europee.

LA MAGIA DELLE CAPITALI EUROPEE: ROMA

Avete paura della lingua? Beh a qualcuno suonerà strano, ma in una delle capitali europee si parla la nostra lingua. Ebbene, sì, tra le capitali europee figura anche Roma. Anzi, a dire il vero, tra le capitali europee Roma è sul podio delle città più belle. Non vogliamo influenzarvi, però potremmo azzardarci a dire che Roma è la città più magica e affascinante tra le capitali europee. Vi consigliamo vivamente di visitare Roma, prima di varcare il confine italiano alla scoperta delle altre capitali europee. Roma può scatenare in voi due reazioni: o la odierete o la amerete. Ma sulla prima reazione non siamo molto sicuri. Che dire di Roma? Troppo grande da girare in una settimana, troppo piccola per avere la fierezza di una metropoli. Eppure, tra le capitali europee, Roma, anche se maltrattata da politici inadatti a proteggerla e turisti maleducati, mantiene sempre una propria maestosità. La storia, l’arte, l’aria di mare che arriva a fatica ma arriva, i giardini e i monumenti superano tutto questo. Quali sono le cose da visitare? Saremo forse noiosi, ma sbaglieremmo se non vi consigliassimo un giro intorno al Colosseo (per non dire dentro), una visita ai Fori Imperiali, una passeggiata dentro Villa Borghese. Tra le capitali europee, nessuna ha il patrimonio artistico di Roma: Fontana di Trevi, Pantheon, piazza Navona, Piazza di Spagna solo per dirne alcuni.
Roma può offrirvi qualsiasi cosa, qualsiasi atmosfera: dal ristorantino intimo ed elegante sulle sponde del Tevere alla trattoria tipica romana dove assaggerete i veri sapori della cucina della capitale (difficilmente troverete nelle altre capitali europee una cucina come quella italiana); Roma può offrirvi la grande mostra d’arte della stagione con qualche nome importante (date sempre un’occhiata anche alle Scuderie del Quirinale), ma vi può regalare anche angoli preziosi, persi nel tempo e nel traffico della città, dei quali il valore artistico non è inferiore a quello delle mostre nei principali musei.
Abbiamo sicuramente dimenticato mille nomi di strade, ristoranti, mostre, monumenti o quant’altro possiate trovare a Roma, ma è impossibile descrivere con precisione tutto quello che l’Urbe può regalarvi.
Le capitali europee sono da visitare e scoprire, Roma è da vivere.
Ah! Un ultimo consiglio: è inutile che buttiate una monetina nella fontana...state tranquilli ci tornerete comunque.

LA MAGIA DELLE CAPITALI EUROPEE: ATENE


un immagine di Capitali europee

Forse poco conosciuta, ma tra le capitali europee è una delle più suggestive: stiamo parlando di Atene. Ormai la Grecia viene visitata soprattutto per le sue isole: Santorini, Mykonos e Ios sono le più gettonate. Ma se aveste la possibilità, fate scalo ad Atene e perdetevi nelle sue strade per almeno due giorni. Saremo sinceri: a prima vista Atene delude. Tra le capitali europee, Atene è quella che lascia l’amaro in bocca. Uno si aspetta di vedere una città, per certi aspetti, molto simile a Roma. In fondo, storicamente parlando le due città si sono sempre intrecciate. Invece, quello che si trova è molto diverso. Probabilmente vittima del boom edilizio della seconda metà del Novecento, Atene perde gran parte della sua bellezza tra i vetri vecchi e i palazzoni prefabbricati che qua e là la compongono. Difficile trovare la storia e l’arte per le strade come succede a Roma, più facile trovare uffici su uffici, ristoranti e take-away ad ogni angolo. Le automobili (sicuramente nemmeno “euro zero”) completano il tutto, con un traffico perennemente congestionato in alcune vie, una percentuale di taxi da fare invidia anche alla stessa New York. Intendiamoci, tra le capitali europee, economicamente parlando, Atene (così come recentemente tutta la Grecia) non è quella messa meglio. Le strade, le vie e i negozi sanno più di grande villaggio che di esempio di una delle più importanti capitali europee.
Poi però, mentre un po’ lo sconforto ha fatto presa dentro di voi, vi si aprono qua e là enormi monumenti, piazze ariose e ben organizzate, giardini fantastici e meravigliosamente colorati. Sembra quasi che la bellezza si sia chiusa su se stessa per sprigionarsi e dare il meglio di sè solo quando qualcuno la guarda. Ma se proprio quella leggera tristezza non se ne va, lasciate che scenda la sera e poi voi alzate lo sguardo al cielo. L’acropoli illuminata è uno degli spettacoli che vi consigliamo di non perdere, meglio con la luna piena, ma non pretendiamo troppo. Prendete poi un taxi e fatevici portare sotto: tra semafori, palazzi e statue, l’acropoli comparirà e scomparirà continuamente dando vita ad un ciclo di “albe e tramonti monumentali”. Pagato il taxi, cercate un ristorante in zona e, mentre mangerete del pesce, continuate a fissare il Partenone. Per visitarlo ci sarà tempo l’indomani, una volta che avrete detto all’hotel che vi fermerete un po’ di tempo in più rispetto al previsto...
Consiglio: noleggiate un’automobile e andate a scoprire Delfi e Micene. Non ve ne pentirete.

LA MAGIA DELLE CAPITALI EUROPEE: PARIGI

Non esiste una stagione giusta per visitarla. Tra le capitali europee, Parigi è quella che al cambiare della stagione cambia vestito e volto, eppure continua a fare innamorare. Dicono che sia la città degli innamorati. E’ vero. Ma se ci andate da soli non dovrete pagare nessuna multa, statene certi. Parigi è, tra le capitali europee, la città dai mille volti. Il volto pacato ed elegante degli Chaps Elysees, che vi portano a camminare verso il Louvre come se foste sospinti dalle onde del mare. Anche quando la strada è piena di traffico, la camminata tra alberi, chiostri, panchine e porta-biciclette è quanto di più morbido e accogliente possiate trovare tra le capitali europee. Parigi ha il volto dell’arte con i suoi numerosissimi musei. Patria dell’impressionismo e di alcune avanguardie del Novecento, città dello sperimentalismo architettonico, Parigi vi stupirà perchè anche la più triste e vecchia panchina avrà qualcosa da raccontare: vi parlerà delle signore della Belle Epoque, di Napoleone e delle sue imprese, delle esposizioni universali che l’hanno resa famosa e riconoscibile in tutto il mondo. Quello che si dice in giro è vero: tutto quello che c’è a Parigi è tremendamente romantico. Dalla Senna alla Tourre Eiffel, dal Louvre all’arco di Trionfo, tutto sprigiona romanticismo, eroismo d’altri tempi. Ma Parigi è anche nel presente: tra le capitali europee sicuramente quella che meglio è riuscita ad amalgamare il vecchio e il nuovo. Ieri con l’oggi. L’arc de la defense è la zona più innovativa, tecnologicamente avanzata, moderna di tutta la città. Ipotetico prolungamento dell’arco di Trionfo, questo quartiere di recente costruzione è un protrarsi nel futuro della società. E’ la società che prende coscienza di se stessa e da qui cerca di lasciare un segno nel domani. Grattacieli dalle forme inconsuete, giochi di luce, fontane, sculture che emergono dal terreno, strade completamente nascoste sotto terra, ampie e libere zone pedonali a cielo aperto, panchine e zone verdi.
Tra le capitali europee, Parigi sarà anche la città dell’amore, ma anche i single si troveranno perfettamente a proprio agio.
Un ultimo appunto per questo esempio tra le capitali europee: chi passa per Parigi non può non far quattro passi nella zona nord della città, a Montmartre. Tra la basilica del Sacro Cuore e i vicoli colorati dai ciclamini alle finestre, respirerete quell’atmosfera passata di una Parigi bohèmien.

LA MAGIA DELLE CAPITALI EUROPEE: LONDRA

Tra le capitali europee quella più richiesta è sicuramente Londra. La città multirazziale e multiculturale per eccellenza tra la capitali europee. Richiesta da i giovani per la musica e gli spettacoli, dagli adulti per l’arte e la cultura, da chi si vuole concedere un week-end all’insegna del divertimento, ma anche chi si vuole rilassare perchè no? Londra, tra le capitali europee, spicca per quel suo senso innato di libertà e magnificenza. A Londra c’è tutto. E questo tutto brilla anche un po’ di più, rispetto ad altre capitali europee. Sarà la magia della Regina, saranno i turisti che si fanno fotografare con dei grossi sorrisoni vicino alle impassibili e serie guardie inglesi, saranno i parchi così ben curati o gli autobus a due piani...sarà quel che sarà, ma a Londra qualsiasi cosa cerchiate non solo la trovate, ma sarà ancora più bella di come la immaginavate. Londra non è solo caos e luminarie, provate ad alzarvi presto la mattina e fare una passeggiata lungo il Tamigi e vedrete come la città vi sembrerà alle prime luci dell’alba stranamente surreale e silenziosa. Tra le capitali europee è sicuramente quella fatta su misura soprattutto per i giovani: pub, discoteche, negozi alla moda attirano ogni anno migliaia e migliaia di visitatori under 25 molto più che in altre capitali europee.
Il London Bridge, il Big Ben o Westminster Abbey tutte cose da vedere e rivedere, certo, ma se potete mettete via la mappa della città e vagate senza meta. Insieme a Roma, tra le capitali europee, Londra vi farà stupire ad ogni angolo, ad ogni vicolo, ad ogni muro. Non solo arte, ma anche semplice egocentrismo londinese. Statue in posizioni improponibili, muri con preghiere rivolte alla propria squadra di calcio del cuore, le famose cabine telefoniche rosse riadattate e molto altro ancora, cose difficili da trovare nelle altre capitali europee. Al turista medio, Londra sembrerà un set cinematografico continuo per la sua quasi impossibilità d’esistere, per la perfezione di certi angoli, per la stranezza dei modi di vestire dei passanti (se nelle altre capitali europee avete semplicemente visto persone vestite male, vi assicuriamo che a Londra vedrete non persone, ma “personaggi” che vi insegneranno veramente cosa vuol dire “dare nell’occhio”).
Preghiera: con questa preghiera vorremmo esortarvi, anche se non vi piace l’arte, ad entrare alla National Gallery almeno una volta. Molte delle mostre che in Italia vengono date come dei “grandi eventi imperdibili”, là sono all’ordine del giorno...e, contrariamente a molti musei di alcune capitali europee (leggasi Roma), per la stragrande maggioranza sono pure gratis! Vi preghiamo!