Elenco dei piani tariffari proposti dalla TIM per i cellulari (solo ricaricabili)
Open Eye realizzazione siti web- info@open-eye.it

Piani Tariffari TIM


In questa serie di articoli stiamo analizzando i piani tariffari proposti dalle principali case di telefonia mobile. Nell’articolo precedente abbiamo analizzato i piani attualmente proposti dalla Vodafone, discutendone vantaggi e svantaggi a seconda del nostro utilizzo medio del telefono cellulare; in questo articolo faremo la stessa cosa per la TIM (Telecom Italia Mobile), a tutti gli effetti la principale concorrente di Vodafone dal punto di vista di numero di clienti serviti.

Dopo un primo periodo in cui l’azienda aveva scelto di occuparsi principalmente di un’utenza di tipo professionale (aziende e liberi professionisti), negli ultimi anni ha spostato il proprio mercato verso i giovani, sopratutto teenager, andando di fatto ad occupare la stessa fetta di mercato di Vodafone.

Andiamo ad analizzare i piani attualmente proposti per le sole ricaricabili, osservando sin da subito che la scelta per i nuovi piani tariffari della divisione mobile della Telecom sembra essere quella della semplicita’, ovvero di piani “verso tutti”, in modo da attirare anche l’utenza meno propensa ai calcoli matematici.

Piani Tariffari TIM: Tim 12

Come il nome stesso suggerisce, questo piano tariffario “livella” i costi a 12 centesimi, siano essi i costi al minuto di telefonate dirette verso qualsiasi operatore, oppure dovuti a SMS, anche questi verso qualsiasi operatore. Il piano tariffario e’ “a consumo”, ovvero non è prevista una spesa minima mensile per approfittare dell’offerta, ma è valida “per sempre”.
Lo scatto alla risposta per questo piano tariffario è di 16 centesimi, ma diversamente dalle offerte della Vodafone con tariffazione anticipata, la TIM non tariffa un minuto anticipato, ma solo i 30 secondi anticipati; questo vuol dire che fino ad un minuto e 29 secondi di conversazione, pagheremo 28 centesimi, mentre allo scattare del trentesimo secondo e fino ai due minuti di conversazione, il costo sara’ di 34 centesimi, per arrivare a 40 allo scattare del secondo minuto.
Evidentemente, questo piano tariffario è da scegliere per chi vuole evitare di farsi troppi conti, valutare fasce orarie e simili: sono sempre 12 centesimi, per qualsiasi cosa si faccia (tranne le telefonate all’estero, che meritano sempre un discorso a parte). Unica eccezione sono gli MMS, che costeranno 60 centesimi se più “leggeri” di 100 Kb, o 120 se più grandi.

Il costo di attivazione del piano tariffario è di 9 euro, a meno che, evidentemente, non sia un nuovo contratto.

Piani Tariffari TIM: Tim senza scatto

Anche in questo caso, il nome del piano tariffario è sufficientemente indicativo di quali siano le caratteristiche: parallelamente all’offerta “Vodafone senza scatto” in questo piano tariffario la tariffazione è al minuto, ma non prevede scatto alla risposta; pertanto il primo minuto di conversazione ci viene tariffato solo per la conversazione, anche se comunque abbiamo una tariffazione anticipata di 30 secondi; questo comporta che un minuto e 31 secondi ci costerà esattamente come i due minuti di conversazione.
Per i costi associati al piano tariffario, sono pari a 16 centesimi al minuto per le chiamate verso tutti i clienti, l’invio di sms è pari a 12 centesimi (sempre senza differenze per operatore) mentre gli MMS costano anche in questo caso 60 o 120 centesimi a seconda se la loro dimensione è inferiore o superiore ai 100 Kb.

Confrontandolo con il piano tariffario precedente, possiamo facilmente notare come la differenza sostanziale stia nelle chiamate brevi (inferiori ai due minuti e mezzo) in quanto lo scatto alla risposta “pesa” per i primissimi minuti della tariffa “Tim 12”.

Anche per questo piano tariffario, il costo di attivazione è di 9 euro.



Compagnie telefoniche tariffe della tim logo

Piani Tariffari TIM: Tim base

Di nuovo, la TIM non vuole certo che i suoi clienti si rompano la testa con nomi astrusi per ricordarsi a cosa corrisponda il loro piano tariffario: questa la proposta base della Tim, una via di mezzo tra i due piani tariffari sopra esposti; in questo piano la tariffazione è al secondo (come la prima proposta) ma il costo è di 19 centesimi al minuto invece di 12 ma viene a mancare lo scatto alla risposta (come avviene nel secondo piano). In aggiunta gli sms vengono a costare 13 centesimi al minuto, anche in questo caso senza distinzione tra l’operatore del destinatario e ponendosi ad un costo leggermente superiore alle due offerte precedenti.
Diversamente dai casi precedenti, gli MMS hanno un costo fisso di 60 centesimi, indipendentemente dalla dimensione e dal destinatario (quindi compresi anche gli MMS verso email).

Questo piano tariffario è consigliato per coloro che non hanno una distinzione netta tra chiamate brevi o lunghe, e che usano in egual modo sms e telefonate voce.

Ovviamente, anche per questo piano tariffario il costo di attivazione è di 9 euro.

Piani Tariffari TIM per l’estero (solo nuovi clienti)

Come la concorrente Vodafone, TIM differenzia l’offerta di piani tariffari per l’estero a seconda del paese di chiamata; in particolare, i “blocchi” di offerta sono da 3, 8 e 9 centesimi al minuto per le telefonate, ma l’offerta è sostanzialmente la stessa per ogni blocco.
Per semplicità analizziamo il caso dell’offerta a 9 centesimi: per tutti i numeri nazionali (intesi quindi numeri di cellulare di qualsiasi operatore italiano e numeri fissi italiani) e per le chiamate verso il paese “prescelto” (inteso sia come numeri fissi che come cellulari) si paga a seconda del proprio “blocco”, quindi 9 centesimi nel nostro esempio; questo vale però per un massimo di 550 minuti ogni 30 giorni (circa 18 minuti al giorno), dopo di che si paga quanto previsto dalla tariffazione standard di TIM (Europa, USA e Canada a 50 centesimi al minuto, Nord Africa 2 euro al minuto, resto del mondo 2,50 euro al minuto, con scatti anticipati a 30 secondi e scatto alla risposta di 16 centesimi).
Per queste offerte è previsto uno scatto alla risposta di 16 centesimi e la tariffazione è però anticipata ai 15 secondi (quindi 16 secondi di telefonata si pagano come un minuto di conversazione, ovvero 25 centesimi, così come 1 minuto e 16 secondi si paga come 2 minuti, ovvero 34 secondi).

In aggiunta a quanto sopra, TIM propone una sorta di “offerta di gruppo”: per tutte le chiamate effettuate verso utenti che hanno lo stesso piano tariffario, le chiamate sono gratis fino ad un massimo di 200 minuti ogni settimana (poco più di 28 minuti al giorno).
I costi di attivazione di questo piano tariffario sono: gratuita la prima attivazione, e di 2 euro ad ogni mese successivo; l’opzione per la chiamata gratis a tutti gli altri iscritti allo stesso piano tariffario costa 1 euro al mese dopo la prima attivazione;

I paesi che aderiscono all’offerta sono:

Romania, Albania e Marocco a 9 centesimi al minuto;
Ucraina e Filippine a 8 centesimi al minuto;
Cina a 3 centesimi al minuto per le chiamate verso la Cina e 9 verso l’Italia;
Tutti gli altri paesi: 3 centesimi al minuto per le chiamate verso il proprio paese, 8 centesimi al minuto per le chiamate verso l’Italia;