Elenco dei piani tariffari proposti dalla PosteMobile per i cellulari (solo ricaricabili)
Open Eye realizzazione siti web- info@open-eye.it

Compagnie telefoniche - Poste Mobile


In questa serie di articoli abbiamo analizzato i piani tariffari proposti dalle principali case di telefonia mobile. Abbiamo studiato proposte e contro proposte delle quattro “big” del settore delle comunicazioni, cercando di suggerire per ciascuna di queste quali piani tariffari sono consigliabili a seconda dell’utilizzo che facciamo del telefonino e del nostro budget.

In questo articolo andremo ad analizzare le offerte proposte da una “outsider”, le Poste italiane; dal momento in cui sono state privatizzate, le Poste italiane hanno aperto tutta una serie di servizi differenti dalla mera gestione della corrispondenza ordinaria e si sono lanciati in attività decisamente non “postali”.
Tra i vari servizi che hanno proposto, nello scorso anno hanno lanciato la SIM postemobile: nata all’inizio come maniera per gestire il proprio conto corrente postale via telefonino, con i propri piani tariffari è diventata sempre più un vero e proprio gestore di telefonia mobile.

Andiamo ad analizzare quindi quali sono i piani tariffari della Postemobile, ovviamente anche in questo caso per le sole ricaricabili, ed analizzeremo quelli “standard”, ovvero non quelli riservati ai nuovi clienti.

Piani Tariffari PosteMobile: Con Tutti New

Evidentemente, il nome del piano tariffario suggerisce che questo è un classico piano “verso tutti”, ovvero a tariffa standard indipendentemente dall’operatore del destinatario. In particolar modo, le tariffe sono di 16 centesimi al minuto per le telefonate, di 12 centesimi al minuto per l’invio di sms e di 50 centesimi per gli MMS.

La cosa interessante di questo piano, è che se effettuiamo 10 euro di ricarica in un mese, il mese dopo le tariffe si abbassano: 14 centesimi al minuto per le telefonate e 10 centesimi per ciascun sms, mentre gli MMS restano a 50 centesimi l’uno; ovviamente, il mese successivo tornano i valori “normali” se non sono stati ricaricati altri 10 euro nel mese.

In aggiunta a quanto sopra, se si ricaricano 10 euro al mese per 6 mesi consecutivi, le tariffe ridotte del piano tariffario diventano le tariffe standard, che verranno applicate sempre, senza dover necessariamente ricaricare 10 euro ogni mese.

Sia per le tariffe ridotte che per le tariffe intere, in questo piano tariffario non è previsto nessuno scatto alla risposta e la tariffazione è anticipata di 30 secondi.

Questo piano tariffario è rivolto soprattutto a coloro che hanno un traffico comunque superiore ai 10 euro al mese (circa 3 sms al giorno a tariffa “piena”) e che non hanno molti numeri postemobile nella propria rubrica e/o non vogliono farsi troppi conti.

Piani Tariffari PosteMobile: Con Tutti New Premium

Come dicevamo nell’introduzione a questo articolo, le Poste hanno cominciato la loro “espansione” verso altri servizi diversi dalla gestione della posta con la gestione di conti correnti postali; per incentivare l’utilizzo del conto e la diffusione della Postemobile, questo piano tariffario affianca ai costi sopra esposti un ulteriore sconto nel caso di chiamate e sms verso clienti Postemobile: la tariffa base verso questi clienti è di 6 centesimi al minuto e di 6 centesimi ogni singolo sms inviato, mentre nel caso dei 10 euro di ricarica mensile si scende ulteriormente a 4 centesimi al minuto per telefonata e 4 centesimi per ogni sms.
Gli MMS costano 30 centesimi verso altri numeri postemobile e 50 centesimi verso tutti gli altri operatori, indipendentemente se è stata effettuata la ricarica di 10 euro o meno.

Ovviamente, essendo questo piano tariffario un “di più” del piano precedente, resta valida la condizione: se per 6 mesi consecutivi si ricaricano almeno 10 euro, le tariffe scontate restano valide per sempre, senza più necessità di ricaricare ancora per mantenerle attive.

Anche in questo caso, sia per la tariffa intera che per quella ridotta, non c’è nessuno scatto alla risposta e la tariffazione è anticipata di 30 secondi (quindi al primo secondo di conversazione ci vengono comunque addebitati 3 centesimi nel caso di tariffa piena e 2 nel caso di tariffa ridotta).

Evidentemente, le considerazioni fatte per la tariffa precedente si applicano anche per questa, con in aggiunta l’evidente vantaggio di un piano tariffario estremamente conveniente nel caso si possegga un conto Banco Posta e si effettui traffico con altri numeri PosteMobile.



I piani tariffari della tim, il logo

Piani Tariffari PosteMobile: 500 Small

Questo piano tariffario è una soluzione che va considerata in associazione ai prodotti Banco posta e con un canone mensile; a fronte di un pagamento mensile di 7 euro, il piano tariffario propone tariffe di 500 minuti di telefonate gratuite verso tutti i numeri di rete fissa e mobile di postemobile e 500 sms gratuiti verso numeri postemobile, mentre per tutti gli altri numeri abbiamo telefonate a 12 centesimi al minuto ed SMS a 12 centesimi ciascuno. Gli MMS hanno una tariffa unica di 50 centesimi ciascuno.
Contrariamente ai precedenti, per questo piano tariffario la tariffazione è al secondo e non è previsto uno scatto alla risposta.

Il canone di 7 euro è addebitato direttamente sul traffico residuo della scheda ed il conteggio degli SMS e dei minuti di telefonate gratuite parte dal momento dell’avvenuto pagamento per i 31 giorni successivi; nel momento in cui viene superata la soglia o dei 500 SMS o dei 500 minuti, il piano tariffario prevede che il costo passi a 12 centesimi per quello dei due servizi che ha superato la quota: se vengono inviati più di 500 SMS ma vengono effettuati meno di 500 minuti di telefonate, gli SMS costano 12 centesimi, mentre le telefonate continueranno ad essere gratuite.

Evidentemente, questo piano tariffario è conveniente per chi abbia molti contatti con altri numeri di postemobile, in quanto l’offerta appare specifica per favorire i contatti all’interno della stessa Rete.

Piani Tariffari PosteMobile: 500 Medium

Come il nome suggerisce, questo piano tariffario è un “upgrade” del piano tariffario precedente e propone la stessa formula: canone mensile in cambio di prezzi ridotti. Ovviamente, essendo una “taglia più grande” del precedente, sia i vantaggi sia i costi saranno maggiori.

Il canone mensile è di 14 euro invece di 7 come il precedente, ed ovviamente a canone raddoppiato corrisponde un costo dimezzato nel caso di numeri non postemobile: 6 centesimi al minuto per i primi 500 minuti di conversazione e 6 centesimi ogni SMS. Gli MMS purtroppo non rientrano nell’offerta: continuano a costare 50 centesimi ciascuno; anche in questo piano tariffario, ovviamente, la tariffazione è al secondo e non è previsto nessuno scatto alla risposta

Le considerazioni sulla convenienza di questo piano, restano quelle fatte al punto precedente, anche se il costo ridotto di 6 centesimi per i numeri non postemobile potrebbe comunque convenire a chi normalmente spende più di 14 euro al mese di traffico telefonico.