Open Eye realizzazione siti web- info@open-eye.it

Cosa sono i Manga? Cosa sono gli Anime?

Molti potrebbero dire "I Manga sono fumetti giapponesi, e Anime è la versione giapponese di animazione. Anime è di solito, ma non sempre, la versione animata del manga popolare".

Questo è parzialmente vero, ma può essere fuorviante. (Nota che "anime" in Giappone significa tecnicamente qualsiasi film d'animazione, e "manga" è qualsiasi fumetto stampato, ma la gente nel resto del mondo li porta a dire film d'animazione o fumetti giapponesi.)

Il Giappone si è basato sull’arte del cartone animato per un tempo veramente molto lungo (ci sono disegni a inchiostro umoristici di animali e caricature di persone da centinaia di anni fa). Certo, alcuni aspetti del manga sono presi dall’ovest (Osamu Tezuka, il "padre" del manga moderno, è stato influenzato da Disney e Max Fleisher), ma le principali caratteristiche, come le linee semplici e le caratteristiche stilizzate, sono distintamente giapponesi.

Può essere che l'arte cinese abbia influenzato maggiormente le tecniche giapponesi più dell’influenza data dall’occidentale.

(Inoltre, parlando della Cina, vorrei far notare che l’Anime è ormai un fenomeno generale asiatico, non solo giapponese. Capisco che ci sono numerose opere di manga e anime prodotte in molte parti del mondo. Tuttavia, per quanto mi pare di capire, le radici sono in Giappone e il Giappone è ancora considerato, almeno negli Stati Uniti, il centro del mondo anime. Ma questo potrebbe sempre cambiare in futuro).

Differenze importanti tra manga/anime e fumetti occidentali
Una terza differenza importante è che il manga giapponese ha un unico stile anime, che è ben distinto e abbastanza facile da riconoscere. Questo non vuol dire pero che sia lo stile limitante. All'interno di questo vasto terreno vi sono diverse tecniche che variano di artista in artista manga e ognuno di essi è in grado di renderlo diverso e unico.

Lo stereotipo è di personaggi con i capelli enormi e grandi occhi, ma ci sono molte, molte varianti.

Naturalmente, vi è meno enfasi sul tipico "supereroe" del mondo degli Stati Uniti. Nella maggior parte dei manga, gli uomini e le donne non sono necessariamente esagerati né tantomeno estremi dei loro stereotipi di genere, e non indossano costumi. In realtà, i personaggi di manga e anime tendono ad avere un gusto unico sull’estetica della moda. (E 'anche vero che molti fumetti moderni degli Stati Uniti hanno spezzato fortunatamente questo stereotipo.)

E una differenza minore tra i manga giapponesi e fumetti di supereroi generali come la DC Comics o Marvel Comics (a parte la natura in bianco e nero dei manga), è che i manga sono di solito la visione di un singolo scrittore (anche se gli editori hanno voce in capitolo ampio e, talvolta, diretto con la storia). A differenza del tipo di supereroe generale, dove molti scrittori tendono a fare diverse trame e storie, i manga sono più simili a romanzi, mondi completi e dettagliati che sono la visione di un singolo autore. I personaggi restano coerenti, e sono avviati a crescere e svilupparsi.

Su un argomento correlato, i manga tendono anche ad essere redatti per una pubblicazione settimanale o bisettimanale contenente numerosi altri fumetti. Così la trama deve svilupparsi e deve essere interessante a un ritmo abbastanza rapido.
(Un ultima differenza è la caratteristica onomatopeica della lingua giapponese; gli effetti sonori si adattano molto meglio, e li si può vedere in modo meno stupido, che nel fumetto italiano. Questo è solo un aspetto del linguaggio manga
.)

Forse è il mix tra dura realtà e il mondo della fantasia che rende allettante i  manga e gli anime rendendoli particolarmente attraenti per i lettori. Molte serie popolari, come Doraemon, Ranma 1 / 2 e Kimagure Orange Road, seguono la vita di persone apparentemente normali - vanno a scuola, fanno i compiti, sono rimproverati dai genitori - ed hanno una vita che li rende ombre in qualche modo speciale, sia per il talento psionico o amici che sono piuttosto differenti (robot dal futuro, o alieni provenienti da altri mondi). Suppongo che tutto questo serva a permettere al lettore di simpatizzare e impersonare un po’ i personaggi ritrovandosi nella vita normale quotidiana di un mondo fantastico che finisce per essere molto diverso dal nostro.

Anche in mondi che esistono nel lontano futuro, o in tempi addietro, il lettore è coinvolto ed invitato a cercare di trovare somiglianze per carattere, modi di fare, fisicità e via dicendo. Sarà difatti difficile trovare personaggi perfetti ma sarà ben più semplice trovare chi ha stupide abitudini o difetti di grande entità e chi ha speranze e
sogni con il quale il lettore può simpatizzare.

A differenza di alcuni supereroi americani, che spesso sembrano andare proprio contro il male unicamente per sconfiggerlo, i personaggi giapponesi di solito hanno altri obiettivi nella vita che giocano grandi temi all'interno della loro vita. I personaggi non sono costretti a complotti, come a stare con un piede in una scarpa troppo stretta, anzi, in questo modo crescono le storie dei personaggi. Il cuore di manga e anime è nel cuore dei personaggi.

La profondità dei personaggi
Questo ci porta a tre altri aspetti di manga e anime: la realtà del mondo, la spiritualità, e il fatto che le cose finiscono.

Con i fumetti, la fusione di arte e di parole crea un mezzo unico. L'arte tira nella mente, e le parole fanno la realtà. Un'immagine può valere più di mille parole, mentre le parole possono trasmettere ciò che l'arte non può, ma i due tipi di insieme sono davvero potenti. Per quanto riguarda Anime, l’animazione può fare a buon mercato ciò che gli equipaggi degli effetti speciali non riescono nemmeno a toccare (questo solo fino al recente aumento della computer grafica).

L'arte è una forma limitata di realtà virtuale.


Come si è detto, i fumetti giapponesi non sono solo per bambini, difatti trattano anche con cose come la morte. Essi mostrano che i nemici non sono solo il Male. In serie come Gundam, si può vedere che i nemici hanno speranze e sogni, e infatti, ci sono ragioni e motivazioni per quello che fanno. Non sono solo pazzi, o semplicemente tipici cattivi che vogliono conquistare e distruggere. Sono reali.

Le azioni hanno sempre conseguenze. Se la vita del protagonista ha a che fare con questi e il personaggio è intelligente, lui o lei non si ricorderà lo stesso errore di nuovo! I personaggi crescono e cambiano, apprendono nuove competenze, e migliorano le vecchie competenze, maturano ci guadagnano in saggezza (a meno che, naturalmente, è una serie comica come Doraemon)

Un altro tratto dei manga e degli anime è la loro tendenza a contenere un senso di ottimismo spirituale. I personaggi cattivi possono migliorare e trovare un riscatto. Gli eroi infelici possono passare attraverso crisi personali interiori, e in tal modo trovare la felicità. La vita ha un significato e uno scopo, e per esso bisogna combattere. Il duro lavoro paga ... ma forse solo dopo un lungo periodo di tmepo. Le difficoltà si verificano, ma possono essere superate. La resistenza è fatta per  aiutare gli altri, fino al punto di arrivare ad un sacrificio.  Non tutte le storie hanno questi messaggi spirituali o filosofici, ma molti lo fanno. E quando questi temi semplici ma universali sono tessuti più o meno in modo convincente nel tessuto di trame e personaggi, la magia accade.

E infine, come tutte le buone storie e tutte le storie vere, i manga e gli anime hanno una tendenza alla fine. Eroi ed eroine che muoiono, si sposano o scompaiono. Le serie animate sono particolarmente realistiche su questo tema. Essi tendono ad avere una delle tre conclusioni: l'eroe vince (il trono, la persona del sesso opposto, a prescindere), l'eroe muore (di solito dopo la vittoria), il tipo di eroe vince (ma subisce una grande perdita).

Naturalmente, l'anime o il manga è spesso curato sull’aspetto della tristezza tanto quanto su quella della comicità, tanto da arrivare a situazioni fuori dal comune (a seconda della tipologia fumetto.